Nuova raccolta differenziata.

Nuova raccolta differenziata.

L’amministarazione Pensa, a mezzo stampa, ci comunica con entusiasmo che a breve verrà avviato una nuovo metodo di raccolta per il servizio rifiuti.

Noi di Viva Brandico ci congratuliamo con l’amministrazione per aver accolto implicitamente la nostra mozione!
E’ datata infatti 8 giugno 2016 la nostra richiesta di modifica del servizio rifiuti, che per comodità vi riportiamo qui:

MOZIONE VivaBrandico su Raccolta differenziata e Centro di Raccolta Rifiuti

 

differ

 

 

Quando vogliamo seminare il futuro…

Quando vogliamo seminare il futuro…

Questo articolo è un omaggio a Luca, che solamente grazie ai suoi sforzi e sacrifici, è riuscito a raggiungere un obiettivo molto ambizioso, come essere vice campione d’Italia di Karate a squadre .

Auguriamo nuovamente a lui di poter davvero arrivare molto molto lontano, e perchè no, magari anche a quel sogno che lui umilmente ritiene impossibile come partecipare alle olimpiadi del 2020 a Tokio.

VivaBrandico è onorata di averlo nel gruppo.

 

 

Illuminazione Ognato-SP33 necessaria!

Illuminazione Ognato-SP33 necessaria!

illuminazione

Luogo: il tratto che dalla fine del viale che conduce al cimitero porta alla frazione Ognato (rotonda sulla SP33).

Da sempre la zona in oggetto richiede una migliore illuminazione (ora praticamente assente).
Il tratto è estremamente pericoloso per pedoni, ciclisti e automobilisti che trovano difficoltà a individuare chi transita a maggior ragione se si considera che non esiste una pista ciclabile.
Ricordiamo che recentemente ed in passato è stato malauguratamente luogo di incidenti.
Inoltre, in concomitanza della festa patronale il comune installa, seppur temporaneamente, un’illuminazione provvisoria nell’area in discussione, a dimostrazione del fatto che il problema è evidente.

Purtroppo non essendo la strada di competenza comunale, non resta altro che il dovere di insistrere ed inoltrare la richiesta all’ente preposto, che dovrebbe essere la Provincia appunto.

A tale scopo abbiamo chiesto all’amministrazione comunale, tramite la seguente interrogazione, di attivarsi in proposito.

Interrogazione sulla richiesta di ampliamento illuminazione stradale zona Via Fermi, SP33

In allegato la risposta all’interrogazione da parte della amministrazione comunale:

Risposta interrogazione illuminazione SP33

Per non dimenticare

Per non dimenticare

Il giorno della memoria (27 gennaio) è da poco passato e con gli eventi dell’amministrazione comunale e dei bambini in Parrocchia, è stato come ogni anno, doverosamente ben ricordato da Brandico.
Come membro del gruppo Viva Brandico, ritengo opportuno però, con i tempi ed i modi dovuti, far si che questo giorno non resti solo una ricorrenza che il calendario puntualmente segna e vede scorrere, bensì mi piacerebbe fosse un giorno che ci faccesse riflettere un pò di più, e quindi che venga ampliato e sviluppato di anno in anno. Magari anche in modo diverso rispetto alle consuete tradizioni.
Invito ad approfondire, per chi ne avesse voglia, il tragico tema dei genocidi: rientrano in questo anche i massacri rossi in Cambogia negli anni ‘70 e lo sterminio in Ruanda e Burundi negli anni ‘90. Senza allontanarsi troppo dalla nostra terra, anche l’Europa ha visto ripetersi la storia in Bosnia-Erzegovina e Kosovo: la pulizia etnica mirava all’eliminazione dell’etnia rivale; non sono mancati casi di uccisioni di massa (1995).
Proprio per non dimenticare mi sento di dover citare questi ed altri genocidi. Ricordo ancora, il Sudan (conflitto del Durfur), Timor Est in Indonesia… e senza andare lontano con gli anni, Palestina, Iraq, Libia e Siria e chissà in quanti altri paesi africani sottosviluppati si vivono ad oggi queste ingiustizie.

genocidi
Tutti questi sono, seppur con numeriche differenti, tanti olocausti.
Generalmente sono l’odio di razza e quello di religione a causare lo scoppio della violenza, non più l’ideologia.
Non dimentichiamo che si tratta sempre di decisioni politiche prese dall’alto solitamente precedute da una propaganda che ha esasperato un’avversione già esistente e radicata nei vari territori.
Oggi sento crescere questa avversione, questa intolleranza verso il prossimo e vedo che più gli anni passano, più ci si dimentica del nostro passato infausto. Con la scusa del terrorismo vedo astio e diffidenza verso altre religioni, con la scusa della crisi politica vedo nuovi estremismi.
Ogni volta che ci esprimiamo contro qualcuno riflettiamo un momento prima di esternare il nostro pensiero. E vi chiedo…

E’ davvero ciò che pensiamo?

M. Guidone

Approfondimenti volantino di Natale

Approfondimenti volantino di Natale

fascia2

Augurandovi come ogni anno “BUONE FESTE“, vi invitiamo a leggere l’approfondimento del volantino natalizio di Viva Brandico. Quest’anno il volantino spazia su una serie di argomenti di spicco legate alle problematiche affrontate da noi in passato e altre non ancora discusse prima d’ora.
Il nostro obiettivo è cercare di informare il concittadino e stuzzicare l’amministrazione non solo motivandola ad analizzare le problematiche attuali ma ad essere lungimirante per programmare un futuro migliore.

 

“RACCOLTA DIFFERENZIATA”, da rivedere

I dati su cui ci siamo basati sono stati presi non solamente da un articolo del Corriere della Sera ma anche da un documento ufficiale della Provincia di Brescia. Pare che i dati ufficiali non siano congruenti, ma aspettiamo riscontro dell’iter procedurale per correggere le eventuali inesattezze dichiarate sul nostro volantino.
Il discorso sviluppato in calce resta inteso non tanto per i valori dichiarati, da verificare, quanto per il discorso informativo che gira intorno alle percentuali di Raccolta Differenziata e alle penali relative.
Resta valida anche la nostra ambizione in merito alla potenzialità di Brandico a spingere la percentuale oltre il 65% e quindi del discorso penali “zero” che ne consegue. La mozione proposta è dunque attuale ed interessante!

La raccolta differenziata a Brandico (dati ufficiali) è scesa dal 54,71 per cento al 38,09 per cento. Come rivitalizzarla? Noi di Viva Brandico proponemmo l’8 giugno scorso una mozione, bocciata. Ne riparliamo?

raccolta
Come si evince dalla tabella, la percentuale di raccolta differenziata per quanto concerne il nostro comune è assolutamente peggiorata rispetto all’ultimo rilevamento che si attestava intorno al 54,71 (dati pubblicati dall’osservatorio provinciale dei rifiuti, 54,71% nel 2014 e 38,09% nel 2015). Un netto -16,6% che non è cosa da poco.
La notizia riportata dal Corriere della Sera (QUI), ci pone alcune domande sensate sull’applicazione della tassa sui rifiuti, la TARI.
Viene spiegato infatti come “la Provincia applica lo sconto per i comuni più «ricicloni» azzerando i contributi per coloro che recuperano oltre il 65 per cento di carta, vetro, plastica, organico (un obiettivo che per legge doveva essere raggiunto già nel 2012). E chiedendo soldi ai più «pigri»: 8 euro per ogni tonnellata di rifiuti prodotti per quei paesi che differenziano meno del 45 per cento. Pagheranno un contributo di 4 euro a tonnellata i Comuni con una differenziata compresa tra il 45 e il 65%”.
Se la matematica non è un’opinione, con la diminuzione ed il passaggio dalla fascia media (RD compresa tra il 65% e il 45%) alla fascia bassa (RD minore del 45%), il nostro comune dovrebbe pagare una quota alla Provincia che è doppia rispetto allo scorso anno.
Concludendo, siamo proprio sicuri che l’aumento di questa quota non porterà un aumento anche sulle prossime bollette della tassa sui rifiuti?
O al contrario, siamo sicuri che non si sarebbe potuto incrementare la RD per arrivare ad una percentuale maggiore del 65% e provare ad annullare questa “penale” applicata dalla Provincia?

Torna di moda quindi la nostra mozione (vedi qui articolo e mozione) in passato bocciata dall’amministrazione.

 

   BORGO DELLA VIGNA, QUALE FUTURO?

natalevb_2016_bdv

La prima asta pubblica per alienare la parte residenzial-commerciale del Borgo della Vigna è andata deserta. Gli inverni passano e la parte strutturale risente sempre più dell’abbandono. Era in previsione una nuova asta pubblica, ma il recente incendio dello stabile provocherà nuove difficoltà. Abbiamo richiesto con interrogazione ufficiale che venga fornita un’informazione adeguata e trasparente ai cittadini sugli sviluppi della vicenda.

 

Il nostro articolo (dal titolo “la lingua batte dove il dente duole”) fa da introduzione a questo approfondimento; ciò che è stato scritto poco più di un mesetto fa resta ancora attuale. Aggiungiamo però le seguenti considerazioni.

Vedere in questi giorni il Borgo della Vigna mette tristezza.
Traspare in modo ancora più evidente la trascuratezza e l’abbandono che lo hanno colpito.
Al di là delle valutazioni sull’opportunità della scelta iniziale, quello che è sotto gli occhi di tutti è inaccettabile. Dopo una gara pubblica per assegnare la parte residenzial commerciale del Borgo (dell’ala ancora utilizzabile) andata deserta e dopo il recente incendio al tetto dello stabile, quale sarà il futuro del Borgo della Vigna?
Ce lo chiediamo tutti.
Tenendo presente che anche l’altra ala è inutilizzabile, ci chiediamo se l’intera area sia ancora appetibile per gli imprenditori che dovrebbero investire.
Intanto Viva Brandico ha richiesto per mezzo di una interrogazione (QUI) di essere informata (e che vengano informati i cittadini) sugli sviluppi della vicenda dell’incendio.

 

INFORMIAMO?

natalevb_2016_torpore

Il 4 dicembre scorso si è tenuto il referendum costituzionale. Al contrario di numerosi paesi limitrofi che hanno organizzato doverosi incontri, il nostro comune NON ha fornito informazioni ai cittadini. Come spesso accade.
Non c’è MAI un evento nazionale o locale che scuota l’amministrazione dal torpore e la convinca a interagire con il paese. Perché?

 

Viva Brandico, in un passato più o meno vicino, ha inutilmente richiesto all’amministrazione di coinvolgere la cittadinanza per informarla di tematiche che hanno coinvolto scelte importanti per Brandico, tra cui:

  • il referendum sulle trivelle
  • la questione “acqua pubblica”
  • il recente referendum costituzionale
  • la raccolta differenziata
  • amianto in paese

Ora ci chiediamo, perchè questa amministrazione non ha mai ascoltato le nostre proposte e perchè non ha mai voluto scuotere la persistente apatia che la attanaglia sulla voglia di comunicare con la cittadinanza?
Abbiamo spinto e stiamo spingendo su queste tematiche da ormai troppo tempo e più passa, più queste vengono lasciate nell’oblio. Forse non è così importante avere altri pareri in merito? Forse è più importante tapparsi le orecchie e costruire il proprio mandato sui corrugati informativi come le solite festine di paese che sviano la mente dai reali problemi?
Non vogliamo sostituirci all’amministrazione che ha il compito di gestire il paese, ma questa gravosa lacuna non riusciamo proprio a comprenderla e di fatto lo facciamo. I referendum ormai son passati; la serata informativa sulle trivelle l’abbiamo fatta (e anche qui, oltre alla completa assenza dell’amministrazione è seguita un’inutile polemica sull’utilizzo del teatro parrocchiale piuttosto che un costruttivo confronto).
Abbiamo richiesto una serata pubblica sullo scorso referendum costituzionale: l’unica nota informativa locale è stato l’articolo pubblicato sul nostro sito o le iniziative sul SI e sul NO dei paesi limitrofi.
La questione acqua pubblica ormai è passata nel dimenticatoio dopo che la Conferenza dei Sindaci dei comuni bresciani si è di fatto espressa in favore all’apertura della gara per l’affidamento dei servizi idrici ai privati (sindaco Pensa compreso); anche in questo caso Viva Brandico aveva cercato di sensibilizzare la popolazione (vedi interpellanza e articolo QUI), ovviamente invano.
Intanto anche le bollette dell’acqua continuano a salire, sarà un caso o farà parte dell’andamento dei prezzi in generale? Eppure un anno fa l’avevamo già previsto!

aumentiacqua
Sulla Raccolta Differenziata i dati presentati nella sezione dedicata sopra dimostrano che siamo in ritardo, la sensibilizzazione richiesta non è mai avvenuta e le “aperture a idee lungimiranti” mancano.

Riprendendo lo slogan di un nostro volantino distribuito nello scorso luglio diciamo: “SVEGLIA !!!” E’ ora di cambiare il modo di fare politica. Non “IO VINCO, IO DECIDO”, ma ascoltiamo, dialoghiamo e collaboriamo !

 

ZERO FUTURO SENZA CULTURA

natalevb_2016_cultura

A Brandico vengono organizzate iniziative culturali degne di questo nome in modo sporadico e occasionale. Non esiste un progetto o una programmazione che comprenda il nostro territorio e valorizzi la cultura locale.

 

Fare cultura non è semplice. Ancora meno con pochi fondi a disposizione.
A Brandico di certo latita. Servirebbe, a nostro avviso, pensare a iniziative che abbiano, pur nella capacità di differenziare le proposte, un fine comune che qualifichi il paese.
Si potrebbe puntare sul territorio (sulle particolari caratteristiche irrigue e agricole delle nostre terre), sulla storia (e la nostra splendida chiesa parrocchiale dimostra la centralità che ebbe Brandico nel passato), sullo sviluppo di testimonianze sulla vita sociale del paese (non solo testimonianze del passato ma anche integrazione dei nuovi arrivati del boom di qualche anno fa).
Come farlo? Magari affidandosi ad un gruppo giovane che abbia voglia di sviluppare certe tematiche e di investire qualche ora per la comunità. Non è impossibile.
Non aiutano iniziative effimere e occasionali, di facile riscontro ma che lasciano “poco” alla cittadinanza e che non ricercano la vera essenza di Brandico.

 

AMIANTO? 4 siti da bonificare

natalevb_2016_amianto2

Nell’ottobre 2015 Viva Brandico proponeva una mozione sull’eliminazione dell’amianto dal nostro territorio. Allarmistica per il sindaco. ORA a Brandico, in base al Registro Pubblico Edifici ATS (ex ASL) ci sono numerosi siti con presenza di amianto. Quattro di questi richiedono un’immediata bonifica, che non può prescindere dalla rimozione. Non è il caso di trovare delle modalità per informare i cittadini e sollecitare le bonifiche dei casi critici?

 

Al seguente link troverete la lista di siti con presenza di amianto nella provincia di Brescia; potrete notare la grande quantità di indirizzi presenti a Brandico.
Per cercare di comprendere questi dati abbiamo contattato ATS (Agenzia di Tutela della Salute, ex ASL) e dopo la conversazione con un referente, ci è stato segnalato che di tutti i siti presenti in lista, ben 4 necessitano di bonifica, ovvero di rimozione immediata, in quanto, secondo le normative attuali, lo stato di degrado delle lastre d’amianto è elevato.
Nessuno richiede, come forse frainteso in passato, che l’amministrazione si prenda carico delle bonifiche, ma da qui a celare la presenza di siti a rischio ce ne vuole (“a Brandico il problema amianto non esiste!”, hanno udito le nostre orecchie in consiglio comunale).
Si precisa che l’obbligo di rimozione dei manufatti in amianto è in capo al proprietario dell’immobile e discende esclusivamente dalla valutazione, dal medesimo condotta, del suo stato di conservazione, fatti salvi i casi di ordinanza del Sindaco.
Ma, se ad informare la cittadinanza ci stiamo pensando noi, chiediamo almeno che l’a.c. si faccia carico di sollecitare i proprietari dei siti critici ad intervenire, che si faccia carico di stipulare convenzioni con ditte di smaltimento, di fatto incentivando le necessarie opere di bonifica, e soprattutto, dati alla mano, che inizi a considerare il problema come REALE.

La nostra salute e l’ambiente richiedono rispetto.

 

DIALOGO E PROGETTI, DOVE SIETE?

natalevb_2016_moscacieca

L’amministrazione comunale manifesta un’evidente rigidità nella gestione dei rapporti con le associazioni e i gruppi sociali. Ripartiamo dal dialogo, da progetti condivisi con TUTTI. Creiamo un programma sullo sport che coinvolga TUTTE le strutture del paese (nostra mozione del maggio scorso, bocciata). Collaboriamo anche con le associazioni esterne a Brandico attive sul nostro territorio. (L’asd Ghedi karate sta cogliendo risultati di rilievo a livello nazionale e non ha ottenuto il gratuito patrocinio comunale per iniziative locali. Un’occasione persa).

 

Un comune che sostiene e trova stimoli dall’ascolto e dalla collaborazione con tutte le associazioni e i gruppi sociali rimane il fondamento per la giusta circolazione di idee.
Soprattutto in comuni piccoli come il nostro è poco comprensibile creare degli steccati e vivere in un clima di perenne “periodo elettorale”. Ciò alla lunga logora i rapporti.
Il dialogo è la base da cui ripartire per creare il tessuto di un paese in cui nessuno si senta escluso, ma partecipi attivamente alle attività proposte dal comune.

Nel maggio scorso presentammo una mozione (vedi qui l’articolo) che proponeva di stimolare l’attività sportiva a Brandico. Questa intendeva creare una programmazione basata non solo sulle sovvenzioni comunali allo sport, ma soprattutto su una nuova mentalità che avrebbe potuto portare alla collaborazione di tutti per la valorizzazione e la spinta necessaria alla creazione delle strutture sportive nel paese.
Il nostro intento era quello di favorire programmi di crescita per mezzo dello sport e proporre manifestazioni che non si sovrappongano. Ogni anno capita infatti che alcune iniziative, anche in ambito non sportivo, si ripetano negli stessi giorni. Anche questo va superato con il dialogo; chiaramente costruttivo e non unilaterale.
Infine è giunto il momento di aprire le porte anche a società sportive esterne, nonostante le poche strutture a disposizione.
Come accennato sul volantino, l’Asd Ghedi di karate, che opera a Brandico con diversi ragazzi del paese è una società sportiva che ben lavora, collaborando anche con le scuole ed è da poco vice campione italiana di karate. Ha richiesto per un evento il patrocinio comunale a Brandico (che è gratuito) ma non lo ha ottenuto.

BdV, quale FUTURO?

BdV, quale FUTURO?

gab0442

Borgo della Vigna – Brandico, ore 9:30

Comincia a bruciare il tetto dello stabile adibito ai nuovi uffici comunali.
A fare da sottofondo le sirene dei pompieri che tempestivi raggiungono la zona e attutiscono il grave danno arrecato dall’incendio.
Ciò che resta a fuoco spento, oltre alla rabbia e alla enorme tristezza, è uno stabile dismesso e sempre più acciaccato dal tempo e dalle ferite inferte dalle fiamme.

La situazione dello stabile e le cause del rogo restano da verificare e doverosa è la seguente interrogazione all’amministrazione comunale per informare ufficialmente la cittadinanza sugli eventuali sviluppi.

Il gruppo Viva Brandico sottolinea fermamente il profondo dispiacere per una situazione che sembra non riuscire a trovare una via d’uscita.

 

Ecco a voi l’interrogazione:

Interrogazione relativa all’incendio dello stabile adibito a ospitare gli uffici comunali

 

RASSEGNA STAMPA:

ARTICOLI

Giornale di Brescia

BresciaToday

Il Giorno

QuiBrescia

VIDEO

Teletutto

Giornale di Brescia

Borgo della Vigna: la lingua batte dove il dente duole.

Borgo della Vigna: la lingua batte dove il dente duole.

Il gruppo Viva Brandico torna su una questione piuttosto spinosa che, a nostro parere, fino ad ora non è stata affrontata in modo corretto, per non dire che non è stata affrontata affatto: il Borgo della Vigna.

La situazione del Borgo ci risulta infatti essere ancora ferma: le ultime notizie a noi pervenute risalgono al Consiglio Comunale di giugno, momento in cui il nostro gruppo aveva già espresso alcune perplessità.

Le risposte forniteci al tempo erano state piuttosto vaghe:

  • presto, ma senza reali riferimenti temporali, si sarebbe fatta una gara d’appalto (nella delibera si dice infatti che “l’alienazione dell’immobile verrà attuata tramite procedura competitiva ad evidenza pubblica”);
  • si comunicava che erano state effettuate alcune modifiche per rendere più appetibile l’immobile rispetto al mercato (si prevedeva infatti un cambio di destinazione urbanistica da “Servizi Pubblici” a “Ambiti territoriali a destinazione prevalentemente residenziale”).

Ciò che effettivamente ci stupisce è che nel tempo sia stato considerato possibile un grande progetto come quello proposto per il nuovo polo educativo, evidentemente poco fattibile, e che dopo questo, che il tutto sia stato lasciato morire senza insistere su soluzioni alternative.

Quindi ci siamo chiesti ancora quali fossero le intenzioni del Sindaco e della Giunta rispetto al futuro di quello che si può definire un edificio fantasma, in evidente stato di decadimento, che altro non fa che ricordarci errori passati, ai quali sembra tuttora impossibile trovare una soluzione.”

(intervento Anna Bonassi in consiglio comunale del 26 settembre 2016)

territorio

La situazione del Borgo della Vigna da anni sta tenendo banco a Brandico. Il progetto iniziale, nella sua completezza, sarà probabilmente irraggiungibile. E i pensieri della gente si sono divisi: chi considerava e considera il progetto iniziale avveniristico (tra l’altro non prevedeva esborsi per il comune tramite un giro d’oneri) chi un azzardo, troppo decentrato dal “cuore” del paese e troppo impegnativo per un paese in crescita, ma rimasto agricolo. Tra l’altro difficile da collegare con il centro attuale del paese.

In poco tempo Brandico ha visto crescere senza freni il numero di abitanti, poi tutto si è fermato, in concomitanza con la crisi economica che perdura tuttora.

Nelle ultime elezioni il Borgo della Vigna è stato il cavallo di battaglia di tutti, dopo che negli ultimi anni la situazione si trascinava tra fallimenti delle imprese che avrebbero dovuto fare i lavori, ritardi e fidejussioni da escutere.
Era comunque un salto nel vuoto per tutti i candidati.

Dopo due anni e mezzo di amministrazione Pensa, che va precisato, non poteva avere la bacchetta magica, pur potendo evitare di proporre a Brandico utopistici progetti scolastici montessoriani, la situazione reale è questa. Un Borgo della Vigna fantasma. Un immobile centrale, con un’ala già precedentemente persa nei fallimenti e un’ala da provare a rivitalizzare.
E’ necessario sbloccare gli spazi residenzial-commerciali e, di conseguenza, i locali che potrebbero occupare i nuovi uffici comunali (che fanno parte della porzione ancora utilizzabile).
Al di là dei pensieri sulla validità o meno del progetto iniziale è doveroso provare perlomeno a rendere decoroso il Borgo della Vigna.

Come detto sono passati due anni e mezzo dell’insediamento di Pensa, la fidejussione, già precedentemente predisposta dalla giunta Plodari, è stata escussa e si è parlato già due anni fa di una gara per sbloccare la situazione.
Ora finalmente l’amministrazione comunale ha indetto un bando di asta pubblica per alienare la porzione del Borgo della Vigna che avrà uso residenzial-commerciale. Scadenza il prossimo 28 novembre.

OGNI INVERNO CHE PASSA E OGNI MESE CHE PASSA PORTANO A UN DETERIORAMENTO SUPERIORE DELLA PARTE STRUTTURALE DEL COMPLESSO, CON ULTERIORI SPESE SUCCESSIVE CHE SI RENDERANNO NECESSARIE PER RENDERE AGIBILE L’IMMOBILE.

Chiaramente Viva Brandico si augura che le imprese aderiscono prontamente al bando e rapidamente si possa lavorare al Borgo della Vigna.

Auspichiamo poi, che il paese (e con esso gli imprenditori locali e non) dove non si vedono da anni nuovi esercizi commerciali, sia ricettivo verso i nuovi sbocchi che il Borgo della Vigna potrà portare.

Ma facciamo presto o sarà troppo tardi e ci terremo il Borgo della Vigna così com’è per molto altro tempo ancora!

collage_2

Degrado ambientale nelle frazioni di Brandico!

Degrado ambientale nelle frazioni di Brandico!

Grave situazione di degrado ambientale!

Si sa, da che mondo è mondo ci sono delle persone vili a cui l’evoluzione della specie umana non ha insegnato nulla; quello che abbiamo scoperto a qualche centinaio di metri da Castelgonelle e Ognato, in zona comunemente nota come lo “sguas”, è davvero inaccettabile.
Oltre ai vari cumuli di macerie e spazzatura sparsi per le zone meno frequentate del paese (questione già segnalata tempo fa da VivaBrandico e qualche settimana fa anche dall’altra lista di opposizione), in questo punto particolare abbiamo riscontrato la presenza di materiale vario, tracce di falò e un cumulo di detriti da cui si può notare la presenza di eternit, a vista e sotterrato.
Auspichiamo un immediato intervento e richiediamo di essere prontamente informati dei fatti.

 

Smaltimento amianto a cielo aperto

Scorci di “frazioni di Brandico”

  • Borsette